COMUNE DI FORLì – BENESSERE E INCLUSIONE A SCUOLA

ENTE: COMUNE DI FORLì

TITOLO PROGETTO: BENESSERE E INCLUSIONE A SCUOLA

Numero dei giovani da impegnare nel progetto: 12

 SEDE DI ATTUAZIONE PROGETTO:

Sedi di attuazione progetto Indirizzo n. posti
Scuola Infanzia Angeletti Via Giovanni Pacchioni n.23 Forlì 2
Scuola Infanzia Querzoli Via Duilio Peroni n.27 – Forlì 2
Scuola Infanzia Bolognesi-Santarelli Via del Camaldolino n.3 – Forlì 2
Scuola Infanzia Bruco Via Tommaso Galleppini n. 22 –

Forlì

2
Istituto Comprensivo di Civitella di Romagna – Scuola “D.G. Facibeni” Via Togliatti n. 1 – Galeata 2
Istituto Comprensivo di Santa Sofia – Sede Centrale Via Arcangeli n 1 – Santa Sofia 2

SETTORE DI INTERVENTO: assistenza

DURATA PROGETTO: 9 mesi

MONTE ORE PREVISTO:900 ore (circa 25 ore sett.)

RIMBORSO MENSILE:€ 439,50

Per ogni informazione riguardante il progetto e rendersi conto del contesto in cui si troverà ad operare, i candidati potranno rivolgersi ai referenti dell’ente, via mail o telefonicamente, negli orari dedicati. Potranno partecipare, inoltre, a video incontri di presentazione del progetto, programmati per il 10 luglio e il 17 luglio, o richiedere un incontro personalizzato di orientamento e di supporto alla compilazione della domanda. Per partecipare a questi momenti sarà necessario iscriversi preventivamente tramite mail. 

REFERENTE PER INFORMAZIONI:

Paola Manni – telefono 0543-712804 Rita Silimbani – telefono 0543-712394

E- mail: volontariatocivile@comune.forli.fc.it 

Orari: dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.30; martedì e giovedì pomeriggio dalle 15.30 alle 17.30. 

SITO WEB: www.comune.forli.fc.it www.informagiovani.comune.forli.fc.it 

VAI ALLA RICERCA
 
CONTATTACI

 

Categoria:

Descrizione

  • SETTORE DI INTERVENTO: 
    Minori

  • AREA DI INTERVENTO:
    Minori e giovani in condizioni di disagio o di esclusione sociale

  • SINTESI DEL PROGETTO:

    Il progetto intende rispondere ad un bisogno emerso nelle scuole dell’infanzia comunali di Forlì e nelle scuole primarie di Galeata e Santa Sofia rispetto ai minori con disabilità, in situazioni di disagio sociale, con difficoltà relazionali/comportamentali, con background migratorio. Nello specifico, si rileva la necessità di attivare interventi assistenziali ed educativi maggiormente personalizzati e di mettere in campo specifiche attenzioni, strategie e risorse, in una prospettiva di inclusività. Il volontario può configurarsi come una risorsa che, in stretta sinergia con gli insegnanti e le altre figure professionali operanti all’interno della scuola, collabora alla realizzazione di progetti di inclusione e di socializzazione dei bambini rientranti nelle casistiche sopra indicate, permette una maggiore individualizzazione degli interventi e, pertanto, può contribuire alla promozione dello sviluppo e del benessere dei bambini.

  • OBIETTIVI DEL PROGETTO:

    L’obiettivo principale del progetto è di implementare e sviluppare percorsi educativi per minori con disabilità, in situazioni di disagio sociale, con difficoltà relazionali/comportamentali, con background migratorio, nel contesto della scuola dell’infanzia e della scuola primaria, al fine di favorire l’evoluzione delle autonomie e di tutte le aree di competenza del bambino (cognitiva, affettivo- emotiva, relazionale, comunicativa…).

     

  • ATTIVITÀ’ DEL PROGETTO:

    Il volontario, con il supporto dell’insegnante referente (Olp) e in sinergia con i professionisti presenti nel contesto scolastico, realizzerà percorsi volti a migliorare l’integrazione e a sviluppare le competenze e le autonomie dei minori con disabilità, in situazioni di disagio sociale, con difficoltà relazionali/comportamentali, con background migratorio. Nello specifico, collaborerà alla definizione ed attuazione degli interventi di assistenza e supporto educativo, accompagnando i minori in tutte le attività quotidiane, dai momenti di routine alle proposte didattiche. In tal modo il volontario avrà la possibilità di sperimentarsi personalmente nella costruzione di “relazioni di aiuto” significative con minori in situazione di difficoltà. È prevista, inoltre, la partecipazione del volontario ai momenti di verifica e monitoraggio degli interventi realizzati. Nel caso in cui si dovessero presentare situazioni di emergenza sanitaria, se necessario, le attività verranno rimodulate con uno svolgimento da remoto, con interventi di supporto all’attività didattica e momenti di condivisione e confronto a distanza.

Informazioni aggiuntive

Comune

Assistenza

Torna in cima